Goodbye and good luck

Infanta, eri un cosino di neanche otto mesi, imbacuccata nel tutone che sembravi Maggie dei Simpson. Era gennaio, c’era ghiaccio dappertutto e io non riuscivo neanche a parcheggiare.
Ti lasciavo lì che urlavi come un parlamentare leghista, e andavo a piangere in macchina o al supermercato vicino, per ripigliarti un’ora dopo fresca come una rosa, che ri-ululavi per non venire via.
Il nostro inserimento è rimasto leggendario nel Micronido, ancora adesso le tate narrano di come l’Infanta non abbia fatto una piega e la sua mamma Seavessi si presentasse con le occhiaie color chanel particuliere e l’aria pimpante dei musicisti che suonavano mentre il Titanic affondava.

Sono passati quasi due anni, Infanta, e in quel Micronido da bambolotta gorgheggiante sei diventata una piccola donna che gira per casa cantando _mazooooomazooooomen.
Ora io posso anche avere delle preplessità di fronte al fatto che all’asilo tu impari a cantare Macho Man, ma visto che in casa impari Guccini direi che andiamo in pari.

E oggi è il tuo ultimo giorno, Infanta, da lunedì si va alla materna col grembiulino e lo zainetto (vuoto, ma fa status symbol), e io posso ricominciare a stare in ansia e a farmi paturnie: starà bene? Avrà giocato con gli altri? Avrà litigato? Avrà subito dei traumi tali per cui da grande vorrà fare la soubrette (non so se si capisce che l’idea mi inquieta)?
Ma poi ci penseremo.

Oggi facciamo ciao alla tataO, uno scricciolo col polso di un generale e la tenerezza di una zia preferita, che consolava mamma Seavessi  in lacrime e la spingeva dolcemente fuori dalle pelotas i primi giorni.

Ciao dolcissima tataA, che ha detto esultante a mamma Seavessi che finalmente l’Infanta aveva smesso di prendere botte dal bimbo S e gliele aveva, almeno parzialente, ridate indietro.

Ciao allegra tataL, che sei arrivata da poco, guardi l’Infanta e le dici Infanta, con quella giacca sei fighissima!!! E l’Infanta va in brodo di giuggiole.

 Ciao tate meravigliose che abbiamo incontrato sulla nostra strada.

Strano scrivere questo post oggi, che abbiamo in mente tutt’altro asilo e tutt’altre tate.
Annunci

2 commenti

Archiviato in Infanta, nido, tate

2 risposte a “Goodbye and good luck

  1. ciao! ti ho scoperta per caso, dal blostorming di genitori crescono, prima di tutto un grande in bocca al lupo all'Infanta per l'inizio della nuova avventura! E le tue paturnie le conosco bene, due mesi fa il mio gnomo ha cominciato le elementari, capirai che ansia a mille! a presto!

  2. Uao, il mio primo commento, grazie! Grazie anche per il conforto, chissà che emozione quando cominciano le elementari… un bacione al tuo gnomo grande 🙂

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...