So no one told you life was gonna be this way

Restare in ufficio fino a tardi per la chiusura del trimestre, aspettando ordini che non si sa se arriveranno.
Sentire l’Infanta al telefono che chiede _pecché non zei qui mamma??? a chi do il bazìno???
Avere fame e gli occhi che bruciano.


Ci sono momenti in cui la telefonata che non ti aspettavi, con l’amica virtuale che ti scoccia tantissimo che sia solo virtuale e quindi hai deciso che non è virtuale, è solo lontana, ti salva dal buttarti sulla macchinetta delle schifezze e scofanarti sei brioches tristi alla ciliegia*

Grazie Gì, ovviamente ailoviù 🙂

*qualcuno conosce il motivo recondito per cui nelle macchinette vivono orribili brioches alla ciliegia? Qualcuno ha mai avvistato brioches alla ciliegia fuori da una macchinetta?

3 commenti

Archiviato in lavoro, myself

3 risposte a “So no one told you life was gonna be this way

  1. Anonymous

    sono io che dovrei dire grazie…. mi hai lenito il cuore… e se stasera il quasiexmarito dormirà sul divano, dovrà ringraziare una amica che vive “a metà… nel nulla”.

    http://www.youtube.com/watch?v=cpx7JxbqNTU

    un bacio

    gi

  2. Anonymous

    ps le brioches alla ciliegia nun se ponno sentì.

    secondo me le schifano tutti da mesi e tra un po' le vedrai salutarti dal vetro con un fare confidenziale del tipo “ehi guarda un po' chi c'è! Seavessi hai na faccia…. come sta il velme?”
    gi

    pps è tutta colpa di tale OB. ce lo dico da mesi.

Rispondi a Seavessi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...