Infanta therapy

Non è mica (del tutto) questione di estetica, di “bellezza” nel senso comune e un po’ abusato della parola; Seavessi conosce un sacco di donne che difficilmente potrebbero fare i casting da veline, e lo stesso risplendono di luce propria, con i loro occhi limpidi, i capelli a spinacio, o le rughette, o la cellulite.

Sono le donne che si piacciono, e baciamoci i gomiti che al mondo ci sono anche loro.

Seavessi non si piace, e da la colpa ai chili che non è mai riuscita a perdere dopo il parto, al poco tempo e poca voglia di curarsi, al fatto che com’é come non è trova sempre qualcosa di più interessante da fare invece che farsi la piega. 
Ma tant’è, non si piaceva mica neanche prima, ahimè la sua autostima è una specie di talpa mentale che appena possibile scava gallerie infinite e profonde.

Non è mica un dramma, tanto Seavessi non ha tutto sto tempo e voglia di autoanalizzarsi; l’unica conseguenza noiosa è che Seavessi non reagisce benissimo ai complimenti, perché tanto non ci crede.

Se è veramente in giornata buona sbuffa e cambia discorso.

Se è in giornata normale ringhia.

Se è in giornata girami-largo lancia sguardi assassini  e considera il complimento una presa per il naso, condizione necessaria e sufficiente a mettere l’incauto complimentatore in quarantena amicale.

Ovviamente con l’attenzione e l’autoconsapevolezza che la contraddistinguono come genitrice Seavessi non si era affatto accorta di rifiutare anche i _mamma come sei bella dell’Infanta, a cui rispondeva un po’ piccata _no Infanta, TU sei bellissima, mamma no.

L’Infanta invece sì che se n’era accorta, mannaggiallei.

Seavessi casa, mattina, interno giorno
La Seavessi famiglia è riuscita a mettere insieme tutti i pezzi di se stessa e sta per uscire.

Infanta _mamma come sei bella tluccata.

Seavessi (ridendo) _truccata amore?

Infanta_ sì, tluccata così non dici che non è velo.



Dove la prendono gli Infanti, dove, questa mira devastante per andarti a beccare dove sei scoperta?
Annunci

17 commenti

Archiviato in Infanta, myself

17 risposte a “Infanta therapy

  1. Anch'io dico sempre alla Ciopola che lei è bellissima, non la mamma…ma perchè siamo così severe con noi stesse?

  2. @serena (rarissimo momento serietà di Seavessi) è che io non voglio che l'Infanta impari a essere come me 😦 ma quanto è dura?

  3. Anonymous

    Conni:
    epperò che tempismo questo tema lo stavo “dibattendo” uora uora al caffè con una mia cara amica-collega, come si dice i figli imparano da te quello che non gli stai insegnando (era così no? no!)
    E come si fa, faccio fatica solo a immaginarlo

  4. Divido il bagno con due ragazzine, di quasi 13 e quasi 16, abbiamo un mobile a scaffali, uno per ognuno di noi.
    Quello di Mr. Owens é talmente scarno che ha posto per la sua biancheria intima.
    Il mio é talmente scarno che ha posto per la riserva di fazzoletti, assorbenti e carta igienica.
    Per il trucco, che uso solo in occasioni speciali, tipo se mi invitassero a cena da Kate e William, dispongo di un rossetto che quando esco di casa non lo noto nemmeno più, un mascara waterproof marrone che é talmente vecchio che mi lascia le ciglia incrostate e un copriocchiaie nuovo che uso molto (che amarezza).
    Le ragazze si sono organizzate con un scaffale di cose utili : rossetti, mascara, ombretti, lucidalabra, smalti, brillantini, gloss, e una marea di prodotti che non conosco e uno scaffale di cose futili ma che grazie al cielo usano : spazzolini, dentifrici, spazzole.
    Ogni tanto reclamo di tutta questa mercanzia da far invidia ad un reparto di cosmetica e mia figlia grande mi dice: “vabbé mamma, ma se mi facevi bella come te, non avevo bisogno di truccarmi”.
    Amore di mamma! Dite che mi prende per il ……….naso?

  5. Anonymous

    ha ragione. solo che non te lo vuoi schiaffare in quella zucca marcia che hai sul collo.
    vado a lucidare la mazza chiodata al tornio e torno….

    e so pure che è inutile che mi firmi…. che tanto già sai chi sono.
    sgrunt.

  6. anche io mi trascuro un po', lo confesso. ma se non altro per non ammettere che anche “in tiro” non sono poi un granché.
    ma un po' ci spero che la mia bimba pensi davvero che io sia bella: almeno ho la certezza che è una ragazzina profonda (…)
    e così anch'io finisco per rispondere come te, incartandomi poi, perchè vorrei prevenire le sue ansie di prestazione adolescenziali, con frasi del tipo: “sei bella, perchè se anche dolce e buona…. “. Che frana che sono!!!

  7. Cara Seavvy..ma lo sai che la bellezza sta nell'occhio di chi guarda no?…e anche nella parola mamma che racchiude in se tutto l'amore del mondo….Ovvio che se ci si vuole paragonare allo stereotipo corrente, siamo tutte di una taglia sbagliata..ma basta guardare un dipinto di cent'anni fa per capire che i canoni sono mutevoli e ingannevoli.
    E' forse più bello un colonnato greco, una scultura di Michelangelo, uno schizzo di Duchamp, un film di Tarantino?
    Difficile stabilirlo…ti do un consiglio da amica..fregatene del giudizio del mondo..e fregatene del tuo, il più implacabile.
    Se l'Infanta dice che la mamma è bella E' BELLA E BASTA.;)

  8. @mrs no, sono certa che non ti prendono per il naso 😉 io ogni tanto sogno ad occhi aperti l'adolescenza dell'Infanta.. spero che avremo un rapporto bello come il vostro!

    @anonimagì eh beh era un po' che non mi minacciavi con la mazza chiodata, pensavo che on mi volessi più bene 😀 TESORA!!!!

    @Corie che frane che siamo… mamma come mi ci ritrovo nel tuo commento… ecco, mi incarto, io.

    @Alice bon, mi è scesa la lacrimuccia. E' più bello un gol in rovesciata, e l'incipit del libro della Tina, e il colore degli occhi dell'Infanta.

  9. Cippalippa

    Nemmeno io mi sento bella, mi trovo piena di difettti, però ho imparato ad accettarmi e a volermi un po' più bene di quanto non facessi nell'adoloscenza. Non faccio granchè per tenermi a posto (le estetiste potrebbero chiudere bottega in massa fossero tutte come me!) ma mi trucco tutte le mattine e non saprei rinunciarvi. Quei 10 minuti sono il mio modo per affrontarmi davanti allo specchio e cercare di amare incondizionatamente quello che vedo, cicatrici dell'acne, macchie della gravidanza e rughe comprese!
    Ma l'accettazione di se (o quel delicato equilibrismo interiore che ci si avvicina) è una cosa così preziosa che va assolutamente trasmessa alla progenie. E quale miglior modo se non l'esempio?! Quindi, da brava, all'Infanta la prossima volta le dici che sì lo sai che la mamma è una gran gnocca.

  10. dove la prendono non si sa, ma si sa che son la bocca della verità, quindi tanto basta!

  11. Mia mamma, soprattutto quand'ero piccola, era oggettivamente bruttarella. Cioè, per carità, niente di che, ma aveva dei chili in più messi su con la gravidanza, era molto più anziana delle mamme delle mie compagne d'asilo, che stranamente erano giovanissime (e la differenza si notava), e perdipiù non lavorava. Quindi non aveva nemmeno bisogno di “vestirsi bene”, di mettersi un tailleur che le cadesse bene: io la vedevo perlopiù struccata, in tuta, e cose così.
    MA, siccome ai miei occhi di bambina non c'era donna al mondo migliore della mia mamma, io avevo decretato che l'aspetto fisico non contava niente e che la mia mamma era perfetta così, grazie tante. (Questa cosa m'è rimasta: ancora adesso, della bellezza non me ne potrebbe importar di meno. Dello stile sì, ma della bellezza fisica assolutamente no. Che meraviglia).

    Comunque: come ho già detto, io ero abituata a vedere la mia mamma in pantaloni e maglietta, senza trucco, senza la messa in piega, e così via dicendo. Diciamo che non l'avevo mai vista diversamente da così.
    E un bel giorno, per andare a teatro, mia mamma aveva pensato bene di riesumare dal cassetto il suo rossetto e il suo mascara, e di darsi un filo (ma proprio un filo) di trucco.
    Io ero inorridita, non mi sembrava più lei, mi ero messa a piangere e avevo preteso che si struccasse: “MAAAAMMMAAA, perché ti spalmi quella roba in faccia?! BUUAAAAHHHH, non sei più tu: non è vero che così sei più bella; eri più bella prima, sei bella alla mattina quando ti svegli! Non hai bisogno di truccarti! BUAAAAAAHHHHH!”.

    (NB. Questa non è ovviamente una critica alle donne che si truccano – mi trucco anch'io! – era solo una chicca per la serie “botte di autostima nel rapporto figlia-madre” 😉

  12. mandorlina

    che tenerezza questo post!
    mi sono commossa.. l'infanta è già una meraviglia di bambina, sarà una meraviglia di donna (e non sto parlando di bellezza (solo) fisica, parlo di sensibilità, intuito, tenerezza, fusi insieme)…

  13. E facciamocela venire allora un po' di autostima! ( o auto-piacimento, che l'autostima non contempla necessariamente anche la piacenza fisica)
    Io alla mia pupa, che grazie a dio ancora capisce solo parte di ciò che la mamma le dice, dico sempre: “Come siamo belle noi due!”oppure “Guarda che mamma bella che hai”. Così mi adopero subdolamente per inculcarle sin dalla più tenera infanzia l'idea discutibile che sua mamma sia una strafigona! (ma lo faccio per il suo bene, eh!) 😉

  14. ti voglio bene. davvero.

  15. Io ho cinquantatre anni, ora ho quindici chili di troppo (fino a quattro mesi fa erano trentadue di troppo!!!) al mattino mi guardo allo specchio e nelle mattine buie che seguono le notti insonni mi vedo una ciofeca, vecchia brutta e grassa. Poi ci sono le mattine di sole, e allo specchio non vedo le rughe, non vedo la cellulite e la ciccia di troppo… vedo solo una ragazza di qualche anno fa con lo sguardo ridente e biricchino, un po' maliziosa, e in quelle giornata mi sento davvero una gran gnocca!!!!! E non ci crederai, ma è proprio in quelle giornate che arrivano i complimenti ( che a me, al contrario di te fanno un immenso piacere e portano il mio livello di autostima al limite dell'esondazione)…… però non so che darei per un complimento dalla mia Creatura ( maschio, anni 24) che manco sotto tortura o dietro le promesse di piatti succulenti si lascierebbe mai scappare un complimento alla sua mamma!!! E poi dicono che i maschi sono innamorati della mamma, questo Edipo proprio non sa chi sia!!!!!!
    Accetta i complimenti della tua piccolina ora, perchè non sai se poi te ne farà tra qualche anno!!!!!!!

  16. @cippa ma sai che forse sarebbe la cosa migliore per entrambe? 😀

    @lafranciulla ok, questo è il proverbiale taglio del nodo di gordio!!

    @lucy ma ciao cara, come stai? ehm. in effetti hai avuto, da piccola, un po' la reazione che ha l'Infanta quando mi faccio la piega. non le piace, o basta là.

    @mandorlina sì, è molto tenera 🙂

    @Suster uhm… bello. mi piace. Copierò.

    @tina anche io cara. A parte questo, credo che ora come ora il metro di bellezza dell'Infanta sia TU. Ah, e ha deciso che tu sei una bimba grande.

    @giliola hai ragione… però lancio un appello: Creatura, faglieli i complimenti a mamma, che se li merita!!!!

  17. Intanto concordo pienamente con Giliola e la quoto in tutto, quando ci sentiamo belle ci vedono belle.
    @seavessi il rapporto non é sempre idilliaco, con la grande sono nella fase “ma ce la fai?” (detto da lei a me) alternato da “sono felice che sei la mia mamma” “vorrei essere figlia della L.” “sono fortunata ad avere una mamma simpatica come te” “non avrò mai figli così non mi riduco come te” “spero un giorno di essere brava come te con i miei figli”, ma io tengo duro so che mi vuole bene e la butto (quasi sempre) sull'ironia.

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...