Primavera

In questo periodo a Seavessi i progetti scivolano un po’ fra le dita; per quanto la stagione invogli, per quanto le braccia comincino ad abbronzarsi perdendo quel bel colorino verde muffa, Seavessi sta un po’ al palo.

Non è necesariamente un male per una che vive di gioie e ansie a lungo termine. E’ il regalo di Revoluciòn, il Presente. Non è forse il regalo di ogni rivoluzione?

Quando l’Infanta era piccolissima, Seavessi ne era, semplicemente, terrorizzata. Quell’incomprensibile abbozzo di ragazzina che non seguiva nessuno schema, che pareva incontrollabile, che era arrivata senza istruzioni e che Seavessi maneggiava con la serenità con cui avrebbe palleggiato una bomba a mano prodotta in appalto.

Revoluciòn fa meno paura.

Revoluciòn dorme da sempre nella sua cameretta, e se piange il mondo continua a girare. Revoluciòn si può guardare negli occhi senza sentirsi inadeguate.

Con Revoluciòn ci si può godere il momento, i piedini pacioccosi, le boccacce, i microvestiti.
Con Revoluciòn la sensazione prevalente è quella di essere, per usare una parola cara all’openspeis, una risorsa condivisa. Un po’ come la stampante, dai. Una stampante un minimo autocosciente, che sa che se un utente si mette a stampare la discografia completa di Guccini è meglio stopparlo, se no finisce tutto l’inchiostro e non ce n’è per gli altri.

Una stampante che sa che deve non solo funzionare per tutti, ma anche fare un po’ di manutenzione, salvaguardare se stessa dal delirio, e ogni tanto andare fuori servizio.
E guardare fuori.

(e bloggare pure un po’, magari)



Anonimo (sì, continuiamo la saga), timido? Oh basta là, strana cosa la timidezza in un mondo di pseudonimi. Ma va bene, visto che la timidezza è una delle poche cose che prendo sul serio (avessi detto che eri ipersensibile partiva lo spernacchio, sapevilo). Anyway, take your time 😉 ma non sparire, gli anonimi con buone letture son merce rara!
Annunci

10 commenti

Archiviato in Uncategorized

10 risposte a “Primavera

  1. vah, ti voglio così bene che ti cambio il toner.

  2. tu.
    la ricetta panna e acciughe.
    Adelante.
    (tamburellando impaziente i ditini)

  3. non posso ancora, sta su una cosa che devo ancora introdurre sul blog.
    Ma quando uscirà, lo saprai.
    e sarà “solo per te, rimo questo pessso”

  4. Bella la metafora della stampante condivisa, anch'io mi sentivo un po' così…se mi ricapitasse una nuova maternità, spero di saperne godere di più…

  5. Hai reso molto bene le mie sensazioni all'arrivo del mostrillo piccolo. Niente più paura o ansia, solo un po' di fatica in più…ma tanti “come facevo?!” Tipo “come facevo a pensare di non avere il tempo di fare una doccia?!” “Come facevo a stargli sempre appiccicata?”
    La seconda maternità, oltre ad essere più consapevole, è anche utile a rimettere tutto in prospettiva…

  6. Questo post mi da grande fiducia e mi incoraggia. Grazie Seavessi 🙂

  7. Anonymous

    ok, allora facciamo che incomincio con l'inventarmi uno pseudonimo, che non ne ho mai avuto uno.. quindi scelgo Doug Spaulding, come il protagonista di “Delitto senza castigo” e di “L'estate incantata” (e per poco non è anche il protagonista di “Tempo fermo”, che si chiama invece Bob Spaulding)

  8. Grazie, ora mi sento un po' meglio.
    C'è solo un piccolo problema: nel caso in cui io non mi fossi fatta grandi paturnie a lasciar piangere pure il primo, che succede? Per la legge della statistica l'altro mi frega?

    Susibita

  9. Quello che dico sempre a chi mi chiede come faccio con due (neanche fossero 10!) è che adesso mi sembra di avere più tempo per me rispetto a quando avevo solo la grande…….probabilmente non ho più tempo ma sono diventata brava a ritagliarmelo, a fare le cose velocemente per fare spazio ad altre…comunque anche io mi associo al club delle mamme terrorizzate con il primo figlio e che si sono godute la “seconda volta”!!!

  10. Non sai quanto questo post mi abbracci e mi consoli, plachi i miei nervi scossi ed impauriti e mi dia tanta tanta speranza. Grazie Seavessi.

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...