Non aprite quell’armadio

Ci sono genitori, famiglie, mamme, che coltivano una più o meno serena neutralità. Seavessi ne ha conosciuti, persone che non battezzano i figli dicendo sceglieranno poi da grandi, che davanti ai bambini non parlano di politica, di lavoro, di soldi, di quanto sia simpatica a tutti la prozia Euclorinda con la sua deliziosa abitudine di ricordarti che da piccolo tutti ti chiamavano Dumbo e oh che buffo, hai ancora le stesse orecchie a sventola!!!
Sono scelte legittime, ancorché (dal punto di vista di Seavessi naturalmente) un po’ limitanti, visto che sti figli non son pesci rossi e se non li influenziamo con le nostre scelte rischiamo di influenzarli con la nostra abulia.
Sono scelte a volte un po’ invidiabili, quando senti che i figli dei vicini mal che vada c’hanno l’orsacchiotto amico e te sei lì che cerchi di mantenere la pace armata fra gli squali in giardino e il Fratellino che ogni tanto ricompare nell’armadio.
Sono scelte decisamente invidiabili, a volte.
Tipo quando, neanche in edicola, ma nell’incasinato scaffale-edicola del supermercato in mezzo alla gente che legge a scrocco, un’Infanta gioiosa, con l’aria di rivedere lo zio disperso in Russia nel ’44, punta il ditino benedetto dal Signore verso l’Espresso
e ulula _Mammaaaaaaaaaaaaa l’amico di Fabiofàssioooo!!!!! Può venire a cena anche lui?
Facce degli astanti: 
Fabio.
Io e te dobbiamo parlare.
Sgàrati almeno a portare una bottiglia di vino.
Buono. Anche immaginario.

Non so se voglio sapere chi altri vive nell’armadio.


PS questo pomeriggio c’è la recita, quindi oggi è l’ultimo giorno valido per portarsi a casa, ad un altissimo costo di pensiero, l’ambito premio del valore di mezzo caffè!!!! 
Ultimo indizio; lista di alcuni, non tutti o forse sì, personaggi della recita medesima. L’infanta potrebbe essere uno di questi, o no, o boh.
una strega
dei puffi
dei ballerini di hip hop
un ragno
delle papere
delle cose che non abbiamo capito se sono orsi o cagnolini
dei bambini in pigiama con orso
dei musicisti che cantano la mia banda suona il rock. (Infanta remix _ci vedrete alla corriera, con la macchina bloccataaaa)
Annunci

8 commenti

Archiviato in Uncategorized

8 risposte a “Non aprite quell’armadio

  1. posso venire a cena pure io? faccio un tiramisàù che non hai idea!
    ps: io non sono per lasciamoli scegliere… altrimenti poi da adolescenti come faranno a rinfacciarci tutte le scelte sbagliate che abbiamo fatto se ci siamo tirati indietro?

  2. e c'hai ragione. Se mi deve odiare che mi odi per qualcosa. Certo che puoi venire a cena 🙂 ti siedi vicino agli squali?

  3. Anonymous

    io porto la tiella di riso patate e cozze.

    gi

  4. certo che l'amichino di fabiofassio viene a cena, amore di un'infanta.
    la tina dove la mettiamo a sedere? eh? eeeeh? dove, infantina d'oro?

  5. Io porto le tigelle con il prosciutto di Parma, la mortadella e il salame ferrarese con tanto tantissimo aglio, una bottiglia di Sangiovese e la torta di riso fatta con la ricetta di mia cognata……… fatemi posto per piacere………

  6. Marica - Apdm

    oddio, chi era Solfamì? chi era, chi era, chi era? LAPSUS. Dabooooooooo!

  7. PdC

    Veniamo anche io e Pippo, lui e l'Infanta avrebbero di che conversare.
    Personalmente non coltivo la neutralità, ammetto di essere spesso faziosa e non me ne pento!

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...