The B side of the moon.

Lo aspettavate eh?
sì che lo aspettavate.
Seavessi pure lo aspettava, non trascurando tuttavia di interrogarsi sul perchè lei stessa e le sue blogamiche mostrino tanto entusiasmo al pensiero di elencare chi gli sta sulle pelotas, anzichè il contrario.
del resto ognuno ha il blog e i follower che si merita, no? Se qui fosse tutto un cuoricino stellina ciccino amichetta non sareste qui. E Seavessi neanche.
Che idea fantastica, un blog fantasma, parole scritte da nessuno per nessuno, lasciate a galleggiare lì, magari neanche trasmesse (con tanto amore neh Vodafone, sempre con tanto amore).
Tornando a bomba. Andiamo col lato B della lista, abbandoniamoci al lato oscuro dell’elenco. Magari hanno i biscotti.
Vale la premessa fatta ieri su fb, che è vietato offendersi. Chissà in quante delle vostre liste rientrerebbe Seavessi, come minimo in tutte quelle che includono _chi mi guarda storto senza motivo.
Perché dunque Seavessi potrebbe guardare storto qualcuno? E chi?
1- quelli che leggono giornali che non le piacciono. Mica solo in senso politico, per quanto Seavessi non abbia problemi ad ammettere di avere dubbi sulla forma mentis di uno che compra Il Giornale. Ma non solo. Anche quelli, per dire, che leggono Sudoku Oggi invece di Settimana Sudoku. Oppure libri che non le piacciono. Oppure libri che le piacciono, ma senza il dovuto entusiasmo, o senza dimostrarsi disposti ad aprire sul momento un dibattito su detto libro. Sì, è schizofrenia allo stato puro. D’altra parte è così.
2- quelli che gli chiedi come stai, e partono con un elenco delle loro magagne che neanche wikipedia. A meno che tu non sia mia sorella o equivalente, a cui chiedo come stai tenendole le mani e fissandola con affetto, la risposta corretta a come stai è BENE, GRAZIE. Ti sto salutando educatamente, non mi frega sul serio se hai un callo infetto.
3- i ritardatari. Soprattutto quelli che non avvertono. Seravessi appartiene alla trista genìa di chi arriva sempre un quarto d’ora prima, se tu tardi un quarto d’ora fa già mezz’ora e io mi strarompo le balle.
4- quelli che ti parlano col cicles in bocca. Se avessi voluto parlare con una mucca sarei andata in un pascolo, grazie.
5- quelli che portano in giro bambini firmati dalla testa ai piedi, che a dieci metri di distanza non vedi il bambino, vedi solo il logo. E poi s’incazzano se il pargolo spatascia la camicia ralph lauren  da 240 euro di gelato alla fragola. ma scemo te che non sei andato all’oviesse.
6- quelle che al parchetto di parlano per dieci minuti della loro bimba Camilla, e poi arriva il marito e scopri che la bimba Camilla è un cane. No. Il Signore nella Sua Infinita Bontà ha creato la parola Bambino e la parola Cane, se son due parole diverse usiamole a modo.
7- quelli che cercano di propinarti una causa, idea, posizione facendoti sentire in colpa. Non funziona, ha funzionato forse 20 minuti a metà degli anni ’80 poi bon. A Seavessi parte istantaneo l’effetto flashback, e compare la NonnaBis che dice _finisci il semolino pensa ai bambini africani che muoiono di fame, provocando immediata e feroce antipatia financo per le più nobili cause.
8- le persone troppo belle. Niente contro di loro, ma a Seavessi mettono soggezione. C’è qui da dire che il troppo bello di Seavessi è un concetto piuttosto lontano dal troppo bello comune, per cui potreste rientrare nella categoria e non saperlo.
9- le persone che le inviti a cena, e in quel momento, MORIRE che lo facciano prima, ti dicono che ahimè sono intolleranti all’80% di quello che hai messo in tavola. Ora Seavessi non mette in dubbio che esistano davvero persone allergiche al latte o intolleranti al glutine. Ma molti professano feroci intolleranze e poi se scavi un po’ scopri che si son fatti fare il test degli elettrodi dal garzone della parafarmacia. No amico, non sei intollerante, hai solo voglia di scassare le balle.
10- quelli che vedono la scandinava Infanta con Seavessi nordafrica – edition, e chiedono sospettosi _ma da chi ha preso questa bimba? Dal mio amante Knut, che insegna sci di fondo a Oslo. So what?
Seavessi ritiene, con queste dieci, di essersi già giocata un bel numero di blogamiche. Per le prossime dieci magari aspettiamo un po’….
Ora però vi smutandate un po’ voi.
Annunci

21 commenti

Archiviato in Uncategorized

21 risposte a “The B side of the moon.

  1. Posso dire che un buon 80% delle tue risposte, potrebbero essere le mie???

  2. Anonymous

    non mi pare di appartenere a nessuno di questi gruppi, tuttavia ho alcune delle caretteristiche della precedente lista.
    tipo sbattere nei pali, leggere fumetti. baci Ilaria frollini

  3. @sonietta certo, ma lo stesso voglio leggere le tue!

    @ilaria chi sbatte nei pali, a prescindere dal perchè, è mio amico. Amo le persone con la testa fra le nuvole!!

  4. maro il 5 e il 6 come mi associo!!!
    e quelli che ti guardano malissimo perchè tuo figlio (manco duenne) è vivace e quindi fa casino che non ti dico (ma non fa capricci, non spacca cose, ecc…, corre e ride solamente!) come se fossi la peggiore delle madri e poi il loro attacca un capriccio che manco il terremoto? quelli non ce li metti!

  5. uh, che invito a nozze! Mio marito/datore di lavoro mi ha quasi licenziato perchè mi stanno sulle pelotas TUTTI i suoi clienti, e ognuno per un BUON motivo diverso.
    Ora vado a isolarmi una quindicina di giorni per scrivere l'elenco poi torno a postartelo, eh…

  6. Anonymous

    avrai notizie dal mio legale.

    sbam

    gi

  7. Ata

    Mi rovo su tutto, ahimè!

  8. sicuramente non ti starò sulle palle per via dei loghi. santa ovviesse e santi mercatini!

  9. Ok, le tue dieci ce le ho pure io.
    Vediamo cosa aggiungere:
    1. le persone che stanno “sempre sul pezzo” che sono sempre supercoerenti, che hanno sempre la risposta per tutto e sempre conforme ad una certa filosofia di vita (il più delle volte l'assoluto contrario di quello che stai dicendo tu)
    2. quelli che “Eh non mi ricordo quella cosa che mi hai detto 300 volte…ho tante cose a cui pensare io!”…ok, ma mica sei l'unico! Se te l'ho detta 300 volte forse è un pelino importante
    3. quelli che se dici che ti stai appassionando a un hobby…loro lo fanno in modo professionale e hanno all'attivo 16 corsi e 22 seminari, che se tu giochi a calcetto saponato con gli amici….loro erano nella selezione degli ultimi mondiali…e rilassati!

    Bastano? 😀

  10. Con me hai guadagnato in stima, pensa te!
    Vuoi la mia lista? Allora l'avrai!
    1. Quelli che si abbronzano senza eritemi, senza creme, senza unguenti appiccicosi e maleodoranti. Sì, mi sa che pure tu rientri!!
    2. Quelli che leggono Moccia. Ah bon, l'ho scritto.
    3. Quelli che quando scoprono che ho un gatto mi dicono: “Ah io preferisco i cani”.
    4. Quelli che ostentano fede bianconera (tipo mio marito, per intenderci)
    5. Quelli che griffano i figli (condivido) salvo poi non cagarli se passeggiano sul bordo del dirupo
    6. Chi si lamenta del lavoro (in questo momento storico, per lo meno)
    7. Quelli che si lamentano PER lavoro, che ne hanno fatto uno stile di vita, una professione
    8. Quelli che arrivano in ritardo e se ne vantano pure!!! Mano fosse un gradevole vezzo
    9. Quelli che si sconvgono quando confesso di odiare i funghi
    10. Quelli che dopo poche parole emanano arroganza.

    Cmq Seavessi, ailoviù!

  11. e adesso come te lo dico che, ogni tanto con il marito vado al fox town e compro vestiti di marca a prezzi stracciati? però sappilo che non m'incazzo se Ciccio sbrodola il gelato sui vestiti nemmeno quelli della marca più marca!! per il resto concordo con gli altri punti elencati..ma quelle persone del punto 8 sono quelle che non hanno mai il vestito non in coordinato con le scarpe, che anche la mattina presto sono ben pettinate e truccate? no perchè io mi chiedo sempre come fanno..io non ci riesco ad essere così.. perfetta.

  12. Potrei averla scritta io questa lista, ovviamente la tua è scritta in modo sublime come sempre.
    Questo per dirti che di me non ti liberi! Ciaooooo!

  13. Tu mi fai morire!
    Condivido quasi tutto…..a me mette a disagio quando le persone ti parlano con gli occhiali da sole addosso.non so dove guardarle…non vedo gli occhi!!!! :/

  14. condivido 3 e 5 in modo particolare. anch'io appartengo ai tapini in via di estinzione che arrivano un quarto d'ora prima. e non trovano mai nessuno.

  15. G-E-N-I-A-L-E.
    Concordo su tutto quello che hai scritto, soprattutto sui genitori cretini dei bimbi griffati. E aggiungerei:
    1 – i monomaniaci che ti ammorbano con resoconti senza fine della loro ulcera, dei compiti di inglese del figlio, delle corna del marito, per interminabili ore, senza rendersi conto che il tuo interesse è andato rapidamente scemando.
    2 – quelli che è tutta una gara. es. “Ieri ho visto un bel film, film A, e mi è piaciuto perché- ” “Io invece ho visto film B.” Chìssene. Oppure: “Ho iscritto mio figlio alla prima elementare della scuola inglese.” “Io il mio l'ho iscritto al MIT di Boston, faccio prima”
    3 – Quelli che alle feste dabballo non abballano, ma sostano ai lati per scannerizzare e criticare il look/comportamento degli altri.
    4 – Quelli che si siedono a tavola davanti a te e ti rendono edotta sul numero di calorie che hai nel piatto.
    5 – Quelli che usano troppo il MAI. “Io non farei MAI una cosa simile!” “Non potrei MAI!” Mai è parola da usare con molta cautela.
    …e mi fermo qui perché non vorrei esagerare…

  16. Bhè.. vediamo un po' di fare un'autoanalisi, sai mai che possa servire nella vita:
    1. Diciamo che sono abbastanza refrattaria alle letture altrui, non discuto mai sulle letture, forse perchè purtroppo passo la vita atorniata da manuali. Penso che la lettura sia qualcosa di superlativamente privato.. nel mondo dei miei colori segreti non si accede. Gli altri facciano quel che vogliono..
    2. Posso consigliare di non chiedere “COME STAI” ma magari un più politico “COME VA?” certo che se hai davantu un lagnoso rompiscatole tale rimane; vale la pena non salutarlo più! Scelta troppo drastica?! Forse si, ma sono fatta così, non ho tempo per chi non apprezza le cose belle della vita.
    3. CAVOLI! Devo porci rimedio.. sono sempre e costantemente in ritardo, cosa vuoi mai pretendere da una creativa..
    4. La cicca a meno che non abbia mal d'auto è una di quelle cose che detesto. Aveva ragione la mia mamma, è come vedere un ruminante!
    5. Come non essere d'accordo dopo aver visto un poco più che lattante, con pannolino, calzoncini color caki e polo di Ralph blu; la faccio breve: bambino seduto nell'erba. =/
    6.Anche io sono gatto-dipendente, è un amore troppo, troppo grande; comunque la mia Jin è un GATTO, meraviglioso e intelligente ma sempre un gatto.
    7.Non riuscirebbe a farmi sentire in colpa nemmeno lo spirito santo. Salto al prossimo punto..
    8.Totalmente indifferenti, sei bella, BRAVA! COMPLIMENTI! Oddio nemmeno quello perchè essere bella non è un merito, e poi sono abbastanza certa tu abbia altri difetti.
    9.ADORO questo tipo di persone, perchè se sono certa della loro paranoicità gli infilo di tutto, allo scuro di questo se ne vanno felici della cena e del misterioso menù.. =) Da sganasciarsi dalle risate.
    10.Non mi ha sfiorato la mente, certo che uno vede quello che vuol vedere, e secondo me ti assomiglia!! PS Posso avere il numero di Knut?! Non si sa mai..
    Con questo chiudo facendo un'autocritica, la mia punteggiatura fa pietà (facciamo finta abbia scritto di tutta fretta) e metto troppi puntini di sospensione.. uff.. pazienza..

  17. PdC

    Dai ti piace vincere facile, le tue 10 sono universali!
    Condivido tutto, inoltre:

    – quelli che fanno a gara con le malattie, in un'escalation in cui se tu muori, loro di più;
    – quelli che sanno una pagina più del libro, ma ne avete già dibattuto tutte;
    – quelle che mangiano senza ingrassare;
    – quelle sempre in ordine, perché io invece ho sempre qualcosa fuori posto;
    – quelle a cui non crescono i peli;
    – quelli che non ti chiamano mai ma ogni volta che ti incontrano ti dicono “fatti sentire, eh”.

  18. Uff…e io che arrivo in ritardo con la cicca in bocca? ^__^ ps; e quando sono concentrata la mastico pure con la bocca aperta? Mi odi? Dai, la sputo…… ^__^

  19. hahahah sulla 10 ho anch'io i miei bei rompicapo: visto che G non assomiglia a me e di sicuro neanche a DH, quando mi chiedono a chi assomigli questa biondina ricciolina sfodero il mio sorriso piu' smagliante e dico 'all'idraulico'. tie'.

    La mia lista:
    – chi al ristorante ti dice cosa devi ordinare: sono vegetariana, non cieca – il menu lo so leggere e sono in grado di distinguere cosa sia carne e cosa non lo sia
    – chi dice 'Telefonami il tal giorno', 'portami il tal documento' ecc ecc, usando l'imperativo e un tono come se facessero una concessione, quando in realta' sono io a fare un favore a loro
    – chi trova mille modi per non chiedere scusa
    – presunzione e arroganza miste a ignoranza, combinazione letale

    aaah grande catarsi collettiva!!

  20. caterina bernardi

    La gente si chiede come io faccica a fare un lavoro che richiede “contatto col pubblico” e infatti fanno bene!!! Però non tengono conto che il mio pubblico sono bambini…

    – Quelli che sbaciucchiano per salutare, anche alla prima presentazione, visto che sono terribilmente tatto fobica. E soprattutto quelli che mettono le mani in faccia alla bambina, l’ho addestrata a morderli.
    – Quelli che danno consigli non richiesti ancor prima di chiederti come ti chiami tipo : “Eh ma qui dovreste allevarci degli struzzi, non lo sai che la carne di struzzo va un sacco?!”, cioè allevo cavalli e pecore da una vita, non sai nemmeno come mi chiamo e mi dici cosa devo allevare, ma stai bene?!
    – Quelli che quando scoprono che ho scritto un libro vengono da me e senza nemmeno presentarsi mi chiedono “quanto hai speso?” e “ma dove lo trovo?” Cioè: hai mai sentito parlare delle librerie?! E poi di solito se fai un lavoro guadagni, mica spendi no?!
    – Quelli che tirano fuori il discorso del lupo al primo appuntamento e stanno dalla parte del lupo vivendo in centro città e pretendono di farmi ragionare e portarmi dalla loro. Certo che i lupi sono belli, grazie, ne riparliamo quando ti hanno mangiato il gatto, ok?!
    – Quelli che maltrattano i figli, o nipoti o comunque infanti a loro affidati così, perché c’hanno le palle girate. Li incontri ovunque al super, al parco, per strada. Io di solito faccio sorrisoni ai suddetti infanti, casomai avessero bisogno di sostegno morale.
    – Quelli che mi dicono che i pastori maremmani sono cattivi
    – Quelli che dicono a mia figlia “come sei beeeeellaaaaa”. Non che non sia bella ma così mi si convince che quello è l’importante nella vita!
    – Quelli che raccontano balle ai bambini, tutte, anche a fin di bene.
    Beh, basta, va, avete presente “cattivissimo me”? ecco, io sono quello li….

  21. mandorlina

    oh, ancora più bello del lato A, questo! 🙂
    vediamo chi non sopporto io a prima vista:
    1)quelle troppo belle, ben pettinate, truccate, che stanno coi tacchi alti (che sono taaaaanto comodi…), e sembrano sempre uscite dal parrucchiere, mentre io sembro maga magò (pur dopo aver fatto degli sforzi..)
    2)quelli che non parlano: io odio i silenzi, in una conversazione. e sento la responsabilità di riempire i vuoti, e mi sento raccontare una serie di cose inutili che mi vergogno da sola..
    3) quelli che salutano con “ci vediamo!” o “alla prossima”. non saprei bene dare un'alternativa, ma con queste mi viene l'orticaria
    4)quelli che si informano e mi chiedono perché non sono fidanzata (perdono questa domanda solo ai bimbi di 5 anni, che me l'hanno effettivamente fatta, e mi hanno suscitato solo tenerezza e non istinti omicidi)
    5)quelli che si lamentano sempre; credono che tu sorridi perché “a te è andato tutto bene nella vita”..
    6) quelle che accettano le peggiori cose per tenersi un uomo: un po' perché mi spiace per loro, ma soprattutto perché rovinano la piazza 😉
    per ora non mi viene in mente altro.. ma forse se ci penso ci arrivo pure io a 10.

    epperò io se mi chiedi come sto, te lo racconto.. io infatti lo chiedo solo quando sono disposta a sentirmi raccontare lagne e magagne.. altrimenti saluto e basta. non me lo chiedere, quando ci vedremo, o roviniamo tutto 😉

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...