Non è amore.

Seavessi casa, interno sera, prima di nanna.
Infanta _mamma, sono triste…
Seavessi _ perché amore mio? Hai dei pensieri?
Infanta _un po’… mamma, il fidanSato… non gioca tanto con me, gioca coi suoi amici maschi. E oggi mi ha spinto giù dalla panchetta!
Seavessi _amore, è normale, un po’ gioca con te e un po’ con gli altri, ma se non sei contenta e non vuoi più che sia il tuo fidanSato, devi solo dirglielo e bon.
Infanta _no mamma, io voglio che sia ancora il mio fidanSato, ma sono triste.
Seavessi _amore mio, non è così… non devi essere triste. Tu sei il mio amore meraviglioso e stupendo e se lui gioca con gli amici maschi peggio per lui, non devi restarci male, peggio per lui se non ti apprezza. Vedi amore, ci si fidanSa quando si è innamorati, e l’amore è una cosa che ti fa stare bene, se no non è amore. Se ci devi restare male, non è amore, se diventi triste, non è amore, se non ti piace come ti tratta il fidanSato, non è amore. Se il fidanSato non capisce che è fortunato a giocare insieme alla mia Infanta meravigliosa, allora non è amore.
Infanta _mamma ma…
Seavessi _no ascoltami. Una donna, e tu sei una donna piccola, non ha bisogno di un fidanSato per forza, sta bene anche da sola, è perfetta e meravigliosa anche da sola e questo te lo devi ricordare sempre amore mio, tu non hai bisogno di nessuno, non ti serve aver bisogno di nessuno, perché chi ti ama ti starà vicino comunque, se no non è amore. Amore è stare bene insieme, amore è quando vuoi che un altro stia bene e sia contento. Non è amore soffrire, non è amore se qualcuno ti fa male, è solo male e se qualcuno dice che è amore tu devi scappare lontano da questo stupido che ti dice che è amore, perché non lo è, tu devi venire dalla tua mamma e scappare via da chi ti fa male e ti dice che è amore, perché non è amore, hai capito? hai capito amore?
Infanta _mamma perché fai così? mamma?
_perchè amore mio tu lo devi sapere, te lo devi ricordare sempre, prima ancora di come ti chiami, che sei stupenda e meravigliosa e speciale e non hai bisogno di nessuno, e se un cretino cerca di farti credere il contrario tu devi scappare, devi dirgli che è un cretino e scappare e correre dalla mamma e dal papà, perché non è amore quello, e se qualcuno ti fa qualcosa di brutto, ti fa male e dice che è amore, tu gli dai un calcio nelle palle e scappi, scappi via forte e lontano, e corri dalla mamma, perché non è amore, hai capito Infanta? hai capito? Dimmi che hai capito!
MaritoNP _ohi, cosa succede qui?
Infanta _papà, la mamma piange…
Seavessi _ diglielo, diglielo anche tu, che lo deve capire, che se qualcuno le fa male NON E’ AMORE, che nessuno deve permettersi di toccarla con un dito se lei non vuole, men che meno farlo passare per amore, DIGLIELO!
MaritoNP _ok, calma, la spaventi, respira.
Seavessi  (coi singhiozzi) _ ma io HO paura.
Marito NP (abbracciando Seavessi ) _ Amore.

Infanta _mammapapà?

Seavessi e MaritoNP _sì amore?

Infanta (perplessa) _cos’è un calcio nelle palle?

(Violenza sulle donne: Aula della Camera vuota per il voto sulla Convenzione di Istanbul) 





Annunci

20 commenti

Archiviato in Infanta, MaritoNP, paranoie

20 risposte a “Non è amore.

  1. Anonymous

    un calcio nelle palle NON E' amore.

    ma spiega tante cose. soprattutto se viene dopo un NO.

    gi

  2. Standing ovation per questo post! Meraviglioso!

  3. Un calcio nella palle è una buona arma per certi uomini. Poi, però scappa da loro.

    p.s. Hai fatto bene a spiegarglielo e giuro che io, madre di un maschietto, dirò cento volte al mio che fare del male ad una donna NON è amore. Lo devo alle donne, come noi e la tua Infanta.

  4. sto piangendo. di rabbia. di tenerezza.
    io volevo tanto avere una figlia femmina, sai. ma oggi forse mi metterebbe tanta paura.

  5. Posso fare un'osservazione?
    Sono d'accordo che l'amore non può e non deve essere mai violenza, ma se c'è una cosa che il delitto di Fabiana e delle altre donne insegna e che forse a questi bambini, poi ragazzi non si è insegnato che l'amore non è vero che è sempre rose e fiori. Ci possono essere dei momenti bui, delle pause, dei silenzi … sono parte di un percorso che può continuare a chiamarsi amore, ma se queste cose non le diciamo ai nostri figli, forse non daremo mai loro la consepevolezza che esistono e possono essere gestiti senza sfociare in un atto di forza. Raccontiamo la verità, non le favole! Diamo loro gli strumenti giusti e non il quadretto della coppia che vive per sempre felice e contenta. Si fa presto a dirli “se non sei felice, lascialo”, ma mi sembra un messaggio troppo generico e sbagliato. D'altronde noi stessi come genitori siamo prima di tutto una coppia, con i suoi alti e bassi, con tutti quei compromessi necessari per far continuare l'amore. Ecco, io sono del parere che ai nostri figli si debba anche insegare a gestire le crisi!
    Spero di non aver offesso nessuno!

  6. ho paura anch'io. Perchè crescere un futuro uomo è una responsabilità enorme.
    auguro a tua figlia di trovare l'amore, quello degno di questo nome.

  7. Ora io scrivo un commento minchione, perdonami: non è che domani l'Infanta arriva dal Fidansato e gli molla un calcione nei cabasisi?

  8. Esco dall'anonimato per dirti: magnifico post.
    Senza arrivare a certi eccessi, anche solo l'idea che se non hai qualcuno accanto non vali è da sradicare

  9. Brava!!!!!! A nome di tutte le mamme di figli maschi, ti ringrazio!!!!!!

  10. @gì basta essere chiari 🙂

    @mammasmsterdam e sei ricambiata :*

    @madrecreativa non so sai, in effetti non è il racconto di come la penso, è il racconto di uno sclero serale. E di quanto ho paura.

    @mamma avvocato che responsabilità enorme, le mamme di maschi… e che opportunità di costruire uomini 🙂

    @malanotte io sono felice di avere due femmine. E ho paura. E l'avrei anche se avessi dei maschi, perchè purtroppo non ci danno le istruzioni, e perchè là fuori è un brutto mondo e capita di avere paura. ma noi siamo mamme, e ce la facciamo passare.

    @marta sono aspetti diversi. Secondo me passa ancora, passa troppo, una visione romantica dell'amore, inteso come superamento di ostacoli titanici, lui è uno stronzo ma io lo salverò, io sarò l'angelo speciale che da quel troglodita tirerà fuori un gentleman. E questo NON va bene.Per me lo strumento giusto è insegnare che si possono fare sacrifici (logistici, economici, professionali) per amore, ma MAI venire meno al criterio che se uno ti ama vuole il tuo bene, e renderti felice, se no no. Detto questo, ripeto, non è un post di presa di posizione, non è quello che avrei spiegato a mente fredda, è il racconto di uno sclero. Credo che mia figlia, ahimè, abbia ben presente che ci sono alti e bassi 😉

    @verdeacqua è l'unico augurio che facciamo a tutti i nostri figli, no?

    @suster no, spero XD il seguito non raccontato è che io sono andata a darmi una calmata, e il marito ha spiegato che i maschietti a volte vogliono giocare tra loro, e che se lei vuol giocare col fidanSato basta chiedere (vedi post prima)

    @viverearovescio adoro chi esce dall'anonimato 😀 sì, in effetti io ritengo che un bel po' di idee attuali sull'amore siano da stroncare senza pietà.

  11. Anonymous

    sono la mamma di un duenne maschio nel pieno della sua voglia di “indipendenza” i cui scleri mi fan un po' paura e io giù a spiegargli che non è con gli scleri fisici e non che si ottiene qualcosa.spero di insegnargli l'Amore, quello fatto di rispetto e sacrificio, spero lo respiri nella nostra casa, spero di vederlo un giorno giovanotto e pensare che sì…ha capito,spero che sappia amare come mi sa amare suo padre,che i suoi gesti di affetto e tenerezza di bimbo restino, un po' più maturi nel suo diventare uomo.spero di essere capace a insegnargli che non c'è l'odio ma il non amore e che il non amore è un castigo che porta alla solitudine.spero…spero…e ancora spero.anna

  12. un post bellissimo…da mamma di maschio, ti dico che ho paura anche io, paura di non riuscire ad insegnargli cosa sono il rispetto e l'amore…lo sto già facendo, gli faccio una testa così sull'importanza del rispetto, e spero solo che diventerà un Uomo degno di questo nome…

  13. Io avendo due figli maschi faccio un altro discorso, sto insegnando loro ad avere rispetto della donna, delle parole e delle azioni nei confronti della donna…

  14. Sto facendo la ola da un paio di minuti. Mi permetto di precisare io, a quanti non fosse chiaro, che il calcio nelle palle era simbolico. Te lo dicevo ieri: quello che adoro di te è il tuo saper mescolare sapientemente il sacro con il profano. Purtroppo per alcuni il risultato non è chiarissimo, per me è limpido come acqua di fonte.

  15. Brava Seavessi!
    Comunque giusto per far seguito al commento du Suster, pure a me i miei fecero un discorsetto cosi quando ero piccola, e poi andai effettivamente a tirare un calcio nei maroni al bulletto del cortile! L'intera famiglia del bulletto non parlo' con la mia per anni in seguito a questo incidente internazionale.
    Quindi son contenta di legere il seguito del post, e confido nel buon senso dell'Infanta 😉

  16. Si ma attraverso il tuo sclero serale hai descritto perfettamenti i sentimenti di una mamma contemporanea che si trova ad aver paura per la sua bambina!

  17. Oh, beh, sai… chiedo venia!

  18. @anna il meglio che possiamo dar loro è l'esempio 🙂
    @pink io credo proprio di sì, che tuo figlio sapppia BENISSIMO cosa sono rispetto e amore, visto che ci sguazza in mezzo tutti i giorni!
    @moki ma che bello tutte queste risposte di mamme di maschietti!
    @lastaccata non dirmi così che mi arrossiscono le orecchie :*
    @sfolly io lo feci con la bulletta dell'asilo, mio papà mi disse _e picchiala anche tu! e le ho mollato un ceffone memorabile anche se era due anni più grande. Mi ricordo ancora la faccia della maestra, che mi guardava con severità e diceva _oh, era ora!!!

    @madrecreativa sì, però che brutto 😦
    @suster ma guarda che dopo sta scena che ho fatto il dubbio che mi prendesse alla lettera mi è venuto eh 🙂

  19. Meraviglioso questo post.

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...