Chi l’ha visto?

Seavessi ha perso la sua ombra.

Svolazza perplessa nel cielo sopra Londra, in cerca di una Wendy gentile che gliela ricucia ai piedi.

Seavessi ha perso il sorriso. Oh, niente di drammatico, non la felicità. Seavessi è e continua ad essere quietamente felice e grata della sua vita e del suo vicinato, ma il sorriso, quello l’ha un po’ perso per strada.

Nell’ultimo mese stancante e malaticcio e dolorante, da qualche parte, si è persa quella inner cialtronaggine che permette a Seavessi di scivolare (magari a buccia di banana eh!) sulle cose, invece di cascarci con tutte le scarpe.

Si è disinstallata la app di iStupidera che permette a Seavessi di stare comoda nelle amate e usate e abusate scarpe del giullare di corte.

Seavessi ha cercato la sua ombra nel video di What’s the frequency Kenneth, ma non c’era.

L’ha cercata nelle vitamine prescritte a chili dal DottorS, ma ci ha trovato solo una fame tremenda che, diciamocelo, non aiuta.

L’ha cercata su Pinterest, ma ha solo collezionato una serie di decorazioni di Natale che non ha né tempo, né modo né tantomeno la manualità per fare.

L’ha cercata nelle bimbe, ma sono stanche e nervose pure loro.

L’ha cercata nei libri della Nigella, ma stranamente neanche la ricetta dei croissant rifritti non ha il solito fascino.

Cerca la sua ombra, Seavessi…

 

chi l’ha vista?

 

L’alternativa è che un raro effetto collaterale delle dosi massicce di blu di metilene sia la trasformazione  definitiva in adulto.

 

(NAAAAAHHHH)

 

Annunci

5 commenti

Archiviato in Uncategorized

5 risposte a “Chi l’ha visto?

  1. Doug Spaulding

    In questi casi serve premere il pulsante dell’avanti veloce.
    Ah, quanto sarebbe fantastico se ci fosse un telecomando per la nostra vita! Quando la pressione si fa troppo forte premi Pausa, tutto si ferma e prendi fiato per un po’. Quando ti annoi o sei in depressione metti su l’Avanti veloce e tutto scivola via in fretta. Quando vivi qualcosa di bello torni indietro e lo rivivi. Un giorno qualche genio lo inventerà di certo.
    Nel frattempo il mio avanti veloce sono libri e fumetti e film e telefilm e passeggiate e gatto.
    Ma cominciamo con i libri.
    Il buon Ray in questi casi non fa bene, ha sempre una vena triste e nostalgica. Si consigliano tutti i racconti di James Herriot a cominciare da “Creature grandi e piccole”: delizioso ottimismo infarcito di umorismo tipicamente anglosassone.
    Fumetti. Online se ne trovano a carrettate, eccone qualcuno in ordine sparso:
    http://dilbert.com/
    http://www.figuresinaction.com/
    http://www.smbc-comics.com/
    http://xkcd.com/
    http://www.shockdom.com/webcomics/eriadan
    http://www.zerocalcare.it/
    http://www.gocomics.com/calvinandhobbes/
    http://www.gocomics.com/monty
    https://www.facebook.com/pages/Your-daily-Far-side-comics/113732812025412
    E per continuare sognare si consigliano le tavole di Enrique Alcatena.
    Film e Telefilm. Star Trek: TOS, Next Generation ed Enterprise. Saltare rigorosamente Deep Space Nine e Voyager. Magari anche Stargate SG1.
    E il Doctor Who! E’ così vintage che quasi non ci credo!
    Passeggiate: tante, in campagna e in montagna, lontano dai rumori.
    Gatto: sulle ginocchia. Sempre. E rincorrerlo ogni tanto perché stia un po’ sul chi vive.
    Non mollare! Io sto invecchiando ma per ora riesco a non diventare adulto. Ci vuole un certo talento e credo che anche tu ce l’abbia.

  2. mi sfugge cosa l’hai usato a fare, il blu di metilene.
    Per il sorriso secondo me è colpa del cambio dell’ora. Non vedere la luce del giorno la sera quando esco dall’ufficio a me avvilisce tantissimo

  3. Anonimo

    anche a me non gira tanto! tanta fatica e poca soddisfazione! per DOUG SPAULDING: ma com’è che riesci a leggere e riposarti tanto? qui tra lavoro/casa da sistemare/figli da seguire sono alla solita pagina del libro da 1 mese….e adoro leggere! mah….ripeto TANTA FATICA a far tutto. ciao

    • Doug Spaulding

      In Come un romanzo, Pennac scriveva:
      «… Dove trovare il tempo per leggere?
      Grave problema.
      Che non esiste.
      Nel momento in cui mi pongo il problema del tempo per leggere, vuol dire che quel che manca è la voglia. poiché, a ben vedere, nessuno ha mai tempo per leggere. Né i piccoli, né gli adolescenti, né i grandi. La vita è un perenne ostacolo alla lettura.
      “Leggere? Vorrei tanto, ma il lavoro, i bambini, la casa, non ho più tempo…”
      “Come la invidio, lei, che ha tempo per leggere!”
      E perché questa donna, che lavora, fa la spesa, si occupa dei bambini, guida la macchina, ama tre uomini, frequenta il dentista, trasloca la settimana prossima, trova il tempo per leggere, e quel casto scapolo che vive di rendita, no?
      Il tempo per leggere è sempre tempo rubato. (Come il tempo per scrivere, d’altronde, o il tempo per amare.)
      Rubato a cosa?
      Diciamo, al dovere di vivere.[…]
      Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.»

      Sul tempo per riposarmi e svagarmi, è presto detto: non ho figli 🙂 e non sono nei miei piani per questa esistenza, che è l’unica che ho.
      L’unico disturbo alla mia vita è dover lavorare per campare, ma a un certo punto ho preso una decisione: meno soldi, più tempo. I soldi vanno e vengono, il tempo va soltanto.
      Ora guadagno una miseria, ma vivo.

      • Anonimo

        Ce la farò Doug Spaulding…ce la farò…a trovare tempo per me; ce la farò a capire che i soldi vanno e vengono. ce la farò a farlo capire ai miei figli…ce la farò…a vivere! grazie!

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...