La rivelazione (di Veronica)

Seavessi adora #liberericette, e per l’occasione, oltre a proporvi la sua ricetta del cuore (che trovate nel post sotto) ha l’onore oggi di ospitare Veronica, una delle sue tre adorabili  CollegheSanteSubito, che ha deciso di regalarci una ricetta e una storia.

A modi di vedere di Seavessi, sono entrambe bellissime.

Per questa ricetta devo ringraziare con tanto affetto i miei amici Modesto e Stefania che me l’hanno fatta conoscere circa un anno e mezzo fa omaggiandomi per la prima volta di questa meravigliosa torta che ho ovviamente spazzolato in men che non si dica… (fosse per me, la mangerei in qualsiasi momento della giornata e non riuscirei a rinunciarci nemmeno nei periodi di super-dieta ferrea).

La cosa più importante per me però è che questo dolce mi ha permesso di scoprire il fantastico mondo dei lievitati…

Una rivelazione assoluta

In verità, prima di decidermi a fare questa torta ci ho messo più di un anno…  avevo una sorta di timore reverenziale nei confronti di questa soffice bontà e non avrei retto all’eventuale delusione di vederla martirizzata dalla mia inesperienza. Così, partendo da livelli di difficoltà sotto zero, piano piano ho acquisito più sicurezza finchè non mi sono sentita pronta!!

Oggi, con un pizzico di orgoglio e grande soddisfazione personale (in fondo mi basta poco…), posso essere contenta del risultato. Non è esattamente identica a quella assaggiata un anno e mezzo fa dai miei amici (loro sono talmente bravi e talentuosi che non mi ci metto neanche) ma comunque è pur degna di rispetto… e soprattutto: prepararla (e mangiarla!!!) mi rende felice.

Ho scritto queste righe forse un po’ sciocche per dire a tutte le persone come me, perennemente insicure e con l’autostima ancora in costruzione, che a volte anche la ben riuscita realizzazione di un dolce a cui si tiene puo’ aiutare a mettere un piccolo mattoncino nella costruzione sopracitata….

TORTA DELLE ROSE

tortarose

 

 

Ingredienti

Per la pasta:

Lievito di birra 20 gr

Latte 200 ml

Zucchero 90 gr

Burro 90 gr

Uova 2 medie

Farina 00 300 gr

Farina manitoba 300 gr

Sale 1 cucchiaino

Per il ripieno:

50 gr ca. di burro con un po’ di zucchero

(o marmellata o nutella o ciò che preferite)

Procedimento

Fare il lievitino:

sciogliete il lievito nel latte tiepido, aggiungete mescolando con una frusta un po’ di farina

(presa dai 600 gr della ricetta) fino ad avere una crema densa. Coprite con un po’ di farina

bianca (circa mezzo cm) e lasciate lievitare da mezz’ora a 1 ora (a seconda della temperatura

che c’è). [Il lievitino sarà pronto quando in superficie si formeranno delle crepe da cui uscirà la

cremina sottostante] (1° lievitazione)

Quando il lievitino è pronto, aggiungete un pò alla volta gli altri ingredienti, aiutandovi con una

spatola e lavorate bene l’impasto fino a formare una bella palla soffice ma non appiccicosa che

poi metterete a lievitare coperta x ca. un paio d’ore (2° lievitazione)

Quando l’impasto è ben lievitato, dividetelo in 2 o 3 parti uguali.

Stendete ognuna di queste parti con il mattarello fino a formare un bel rettangolo di sfoglia.

Spalmateci sopra la crema al burro (o altra crema a piacere) e arrotolate la pasta formando un

salame.

Tagliate a questo punto delle fette di circa 2-3 dita.

Disponete le fette in una tortiera grossa (o 2 più piccole) imburrata o rivestita da carta da

forno distanziandole un pochino tra loro.

Coprite la tortiera e lasciar lievitare ancora per un altro paio ore (o anche meno) (3°

lievitazione).

[Dopo la lievitazione ogni girella di pasta gonfiandosi si avvicinerà all’altra formando tante

roselline]

Spennellate la torta delle rose con un pò di latte misto a tuorlo e cuocete in forno statico a 180°

per 30 minuti. [Coprite con della carta forno se, prima della fine della cottura, la torta delle

rose dovesse iniziare a colorirsi troppo]

Cospargete la torta delle rose con dello zucchero di canna mentre è ancora calda (o zucchero a

velo quando è fredda).

Lasciar raffreddare e servire.

Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web“.

Annunci

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

7 risposte a “La rivelazione (di Veronica)

  1. Prima o poi devo provarci anch’io con questa torta…

  2. provoca dipendenza… se chiudo gli occhi posso sentirne il spore… aiuto!

  3. L’ho fatta proprio 3 giorni fa! E anche io ho aspettato diversi mesi prima di buttarmi nell’impresa!!!
    Io ci metto la crema pasticcera dentro….gnammi!!!!!!!!
    Mia suocera fa anche la versione salata, con a farcitura di salumi e zucchine……da provare!!!

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...