Il libraio

Ogni tanto capitano, a Seavessi come a tutti, incontri strani e meravigliosi.

Ovviamente capitano quando non te li aspetti, quando non sei pronta, ma è normale che sia così;  l’incontro strano e meraviglioso in realtà di casuale ha poco, o almeno ci sono circostanze che lo favoriscono senza ritegno.

Queste circostanze, per esempio, possono benissimo essere qualcosa del genere: l’Infanta e Revoluciòn sono cresciute come germogli negli ultimi due mesi, il loro guardaroba si è improvvisamente arricchito di pantaloni nel ben noto stile eau-dans-la-maison, e tocca prepararsi alla primavera.

MaritoNP ovviamente latita.

La Tina, che si era prestata con coraggio e abnegazione, ha beccato una domenica di pioggia e vento che hanno reso l’impresa impraticabile.

ZiaBella lavora.

Così, a Seavessi, tocca buttare il cuore oltre l’ostacolo, caricare la prole in macchina e avventurarsi da sola in una giornata

a) di ssssiopping (che già qui ci vien freddo)

b) lontano da casa (perché già che ci si imbarca in questa cosa, almeno andiamo in un posto dove sappiamo che troviamo quel che ci serve) e

c) che include pranzo fuori, di sabato, al centro commerciale, con le due pargole soprannominate una l’Inappetente e l’altra il Piranha.

Seavessi dicevamo butta il cuore oltre l’ostacolo e parte. In realtà, l’ostacolo peggiore si rivelerà la sua tendenza a impanicarsi durante gli acquisti, ma per il resto, con immenso, immenso sollievo, la giornata fila via liscia.

Un po’ di attesa per mangiare, solo, e Seavessi, donna di ferrei principi educativi, finisce per svendere dieci minuti di pace in cambio di _bambine, se fate le brave ancora un pochino dopo andiamo in libreria.

La libreria del centro commerciale.

Il libraio.

Il libraio è figura mitica e inconscia, e ce lo immaginiamo tutti (tutti, VERO? non solo le vocine nella testa di Seavessi, TUTTI!) come un incrocio ben riuscito fra Albus Silente e Piero Angela. Rintanato fra enormi scaffaloni, affabile e diffidente, pronto a guardarci in faccia e a dirci esattamente cosa vogliamo, anche e soprattutto quando non lo sappiamo.

Ecco, il libraio.

Il libraio del centro commerciale ha forse 30 anni. Siccome però in quel momento Seavessi, provata dagli eventi, se ne sente addosso e ne dimostra 72, per contrasto il libraio sembra un liceale.

Capelli lunghi e ricci legati dietro, t-shirt grigia sformata.

Le minorenni dilagano nell’area bambini, tanto per cominciare, inseguite da Seavessi che cerca di arginarle.

Persa per persa, Seavessi decide di chiedere lumi su un oscuro autore inglese che le ronza in testa da un po’.

Il libraio sorride, cerca, indica, esce da dietro il banco per esplorare lo scaffale. Le bambine gli ronzano intorno. Revoluciòn punta dritta come un terra aria sui libri di cucina.

Seavessi (imbarazzata) _su bambine, non toccate… scusi sa… ho promesso che se stavano brave gli compravo un libro…

Libraio _ma si figuri. Il casino che fanno i bambini non è casino.

S _sì però… insomma bimbe state attente.

L _pensi che l’altro giorno ho tolto un cicles da un libro esposto.

S _ohhh (costernata, ringraziando mentalmente che le bambine schifino i cicles)

L (sorridendo) _eh sì… e pensi che era su uno scaffale altissimo, se era un bambino era un bambino alto tre metri.

S (indignata) _oh!

L (indignato)_eh!

(tacciono un momento scoprendo di essere imparentati via libro)

S _eh, sa… io cerco di insegnare alle bimbe ad avere riguardo, ma a casa ci sono tanti libri in giro e io glieli lascio prendere… preferisco uno scarabocchio in più ma che abbiano confidenza, imparino ad avere libri in mano (ma santo cielo, sto DAVVERO raccontando uno dei miei pochi e traballanti pilastri educativi a un ventenne coi ricci e l’orecchino? ma cosa gliene frega a lui! Dio che noiosa sono!!! )

L _bene così signora. Che non crescano con la paura dei libri. Ah, ecco quello che cercava… ha cambiato editore, è passato alla Sellerio.

S _oh davvero, ADORO la Sellerio (l’ho detto davvero? Come si direbbe ADORO Grey’s Anatomy? Questo mi prende per scema.)

L _anche io. Ha una bellissima storia e una bellissima filosofia, e poi, l’impaginazione…

S _(sospirando) è meravigliosa.

L _(sorridendo) è meravigliosa.

Altra cliente _scusi, ce l’ha il libro di Bake Off?

L _vengo subito. Signora, lasci pure che le bimbe si guardino in giro e tocchino quel che vogliono.

 

PS il libraio mi ha fatto ripensare ad altri incontri meravigliosi che ho raccontato qui, per cui metto i link, le persone speciali devono stare insieme.

Il consulente finanziario telefonico

Le due meravigliose trans

L’eroa

PS2 il libraio, se qualcuno vuole andarlo a trovare, lavora nella libreria del centro commerciale Gli Orsi, appena prima di Biella. SMi fa piacere dirlo perché un libraio così’ merita che lo si vada a trovare.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

4 risposte a “Il libraio

  1. E’ da un po’ che non bazzicco per blog e mi rendo conto solo ora di quante cose mi sono persa. Sono ritornata anche io, non so se assiduamente o saltuariamente ma sono tornata per cui, se ti va di continuare a seguirmi, da qui in poi, mi trovi qui http://www.amoleggere.blogspot.it/ Un bacio

  2. Bello! Gli altri incontri, li conoscevo già. E’ molto vera questa cosa: quando ti capita di incontrare persone così qualcosa ti si accende dentro, la giornata diventa più luminosa, e per il resto dei tuoi giorni ti rimarrà la consapevolezza inconscia che non sei mai completamente sola sul cuore della terra, trafitta da un raggio di sole…

    • a me aiuta “focalizza<rmi" su questi incontri, perché mi ricorda quanto possiamo essere importanti nelle vite degli altri, conun sorriso, un aparola gentile, scambiando due parole che non ci costano niente.

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...