Nnnn shhè

Che accade dunque a questo povero blog abbandonato?
In quale misterioso inciampo fra le dimensioni è finita, la vita da cartone animato di Seavessi?
Non le accade dunque più nulla?
O forse le accade troppo, e le avanza troppo poco tempo per scriverlo?
Nahh. Scusa banale. Se vuoi puoi, se ce la fanno le altre ce la fai pure tu, ma cosa credi, di essere l’unica a fare le corse, ma piantala lì, ma sei una frigna.

Seavessi s’è un po’ ingolfata.

Ha, Seavessi, la precisa sensazione del gomito del lavandino otturato – e che non si dica poi che in questo blog non si fa poVesia.
Questo post, rubato mentre il Marito (occasionalmente Pervenuto, in versione estiva) ha portato le eredi a fare la spesa, dovrebbe avere la funzione di stappare (Tina, questa è per te) il flusso scrittorio di Seavessi, di sbloccare l’ansia da foglio bianco, di sgorgare il flusso di pensieri.
Insomma, più che un post un idraulico liquido.

O un risali sulla bicicletta, vediamo se sai ancora pedalare.

O un tentativo un po’ casuale e un po’ patetico di esserci.

Perché?

Seavessi casa, mattina, interno giorno.

Seavessi, come ogni benedetta mattina che Nostro Signore manda giù in terra nella Sua infinita saggezza, e come non ne perde una lui non ne perdiamo una neanche noi, e amen, insegue Revoluciòn con la spazzola.
Revoluciòn, per chi non avesse avuto occasione, è provvista di fiabeschi boccoli color oro rosato, che s’intonano meravigliosamente agli occhi color temporale e auguri a te, revolucionàrio del futuro che ci cascherai con tutte le scarpe, perché io che li vedo ogni giorno riesco a fatica a staccarne gli occhi.
Revoluciòn, e mai Seavessi si capaciterà d’aver azzeccato così in pieno il blog nome della piccola di casa, quando solo VEDE la spazzola urla come un pullman pieno di banshee adolescenti che vanno a vedere i Senso Unico. Abbastanza da fare preoccupare i NonniG nella casa accanto.

L’altra mattina, non ha urlato.
ha guardato Seavessi, noncurante, e ha continuato a infilare le calze al Tigro.
Seavessi ha sperato.

Seavessi _Revoluciòn amore mio, vieni che mamma ti pettina?
Revoluciòn, alzando appena gli occhi _ ‘Ciòn? Nnn shhhè. Nnnn shhhè ‘Ciòn.

Revoluciòn? Sorry mondo, non c’è. Riprova più tardi.

Seavessi?

Nnnn shhhè, Seavessi.

 

Qualcuno l’ha vista?

Annunci

6 commenti

Archiviato in Uncategorized

6 risposte a “Nnnn shhè

  1. mammaparallela

    Finalmente rieccoti! Mi sei mancata immensamente!
    Pettibare la pupetta? Impresa eroica anche la mia pur avendo capelli-spaghetto! E belle giornate buone mi chiede le trecce!!! BB che invece ha i ricci rifiuta il pettine perché tanto non si vede la differenza!
    Bello bello che sei tornata!!!

  2. ti ringrazio 🙂 mi sono mancata anche io, e mi siete mancate voi.

  3. Ingolfata.
    proprio così, anche io.
    Belli I boccoli 🙂

  4. Serve un purgante? 🙂 Bentornatissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...