Cucù

questo blog soffre di periodici abbandoni, niente affatto casuali, ma dettati proprio dal _ma in fondo chi me lo fa fare, tutto quel che c’era da scrivere è già stato scritto e molto meglio di così, ma lascia perdere, spazio ai giovani, a quelli che ne san di SEO, a quelli che ne sanno e basta. Ce n’è a mazzi lì fuori di gente che ne sa, Seavessi, cosa vuoi scrivere proprio tu che non ne sai di niente, spali nuvole, vivi di superfici – possibilmente glitterate.

E questo post è faticoso, non si sta scrivendo da solo come al solito, sto qui con le dita sulla tastiera che non si sciolgono, si inceppano, fan fatica.

E’ che da qui, dal portico della mia fattoria dell’Iowa, mentre aspetto che dal granoturco escano i miei fantasmi amati, sembra che le sole cose sensate siano quelle minuscole, gli inizi.

Il body rosa di danza di Revoluciòn, il diario dei Minions dell’Infanta, il catalogo dell’Ikea, il mio sacchetto con dentro i nastri per pasticciare, le ultime rose. Seavessi ha sempre avuto la fissa degli ampi spazi, del quadro generale, della vastità del mondo, ora invece si perde nei dettagli, e vede mondi dappertutto.

L’Iowa è lento, lento. La lentezza va imparata, ci stiamo lavorando.

Ma detto questo, sapere che qualcuno là fuori si chiede che tempo faccia in Iowa, dove sia finita Seavessi, è bellissimo, e vi ringrazio di cuore per averlo chiesto.

Siamo qui, stiamo bene, ci chiediamo il senso di questo blog ma come al solito lo troveremo in fondo a una tazza di tè; ora vado, sento fruscio fra le pannocchie.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Uncategorized

5 risposte a “Cucù

  1. Ti vedo, lì seduta con un mug in mano e il tè caldo fumante, ci soffi, aspetti, i tempi si dilatano a dismisura, il tempo passa lento, ma passa.

  2. Monica

    Io non demordo anche se latiti, controllo sempre se scrivi, mi chiedo come giri il tempo nell’Iowa, e oggi finalmente ho avuto qualche risposta. Bentornata! Verranno anche i post che si scrivono da soli, non preoccuparti. Piccola curiosità impertinente: l’immagine di “spalare le nuvole” mi ha ricordato una delle mie letture preferite, e’ un caso o e’ una citazione (semi) voluta?

  3. Mammaparallela

    Bello risentirti. Sorpresa in una mattina di sole ma con le persiane ancora giù aspettando che BB si svegli. Cappuccio da asporto in mano e Brioche croccante e calda, mi godo questo momento. E sorrido pensando alle tue nuvole, ai nastri insacchettati… E mi pare di vederlo quel portico, di scorgere là, in fondo alla stanza, qualche pianta di granturco… Un buon settembre, Seavessi, a tutti quelli che ricominciano… C’è sempre qualcosa di nuovo a settembre.

  4. kay

    Mi manchi quando non scrivi!!!perché come spali le nuvole tu nessuno mai..ma aspetterò pazientemente il tuo prossimo post che si scrive da solo.goditi la lentezza del momento e le tue piccole che crescono.

  5. guitar

    Il catalogo dell’IKEA….aspettando il tuo prossimo post…aspettando sabato volendo essere da un’altra parte!…anch’io Iowa. Ciao

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...