La patente

Seavessi ha rinnovato la patente.

Che già lì. La patente la rinnovi quando ti fregano il portafogli, tirando giù santi.

Oppure quando ti scordi la borsa in treno, e lì i santi ti dicono eh no, saran problemi tuoi.

Oppure.

Oppure quando son passati dieci anni dall’ultimo rinnovo. Dieci anni. Che i santi direttamente ti passano i kleenex e ti dicono su su dai, in fondo ancora non fai la tinta, sei relativamente gggiovane.

Relativamente.

Brrr.

Perché il problema è che l’hai già rinnovata una volta sta patente. L’hai presa 20 anni fa praticamente esatti.

Era il 22 dicembre del ’95, al liceo c’era la festa di Natale e tu sei arrivata tardi perché hai fatto l’esame di guida. Hai anche portato una torta che non mangerà nessuno, ma vieni comunque accolta da due ali di pubblico festante in quanto patentata. Il mondo è mio, verso l’infinito e oltre. Revoluciòn, l’Infanta, perfino MaritoNP erano sogni ancora da sognare, in quel momento il peggio che poteva succedere era che uscisse greco alla maturità. Che poi è uscito e te la sei cavata lo stesso, e se avessi saputo leggere fra le righe che grande verità ne avresti imparato, ma a 18 anni le verità sono bolle di sapone, sferiche e perfette e ancora non sai che se le tocchi quasi sempre ti scoppiano fra le dita.

Il primo rinnovo non te lo ricordi. presumi che fosse dicembre del 2005 e che a farlo sia stata una giovane donna molto convinta e impegnata e sicura di aver trovato il suo posto nel mondo, con una mezza idea di trascinarsi MaritoNP all’estero (e non sa che fra poco lo stesso MaritoNP, o meglio il suo lavoro, decideranno diversamente). Oh quante cose che sapeva quella donna. Infatti tante ne sapeva che infine le è scoppiata la testa e ne sono usciti coriandoli e nuvole scure.

Di questo rinnovo non parliamo, oggi sei qui e questo è l’Iowa, e tanta strada hai fatto per arrivarci che quasi non ci credi che era lì dietro l’angolo, e sventolava le mani e strillava per farsi vedere e ha dovuto tirarti una (o più) scarpe in testa per farsi notare.

Ma il prossimo.

Il prossimo rinnovo.

Avrai 48 anni. Hai l’impressione che sarà un’età stupenda, anche perché NonnaG da sempre sostiene che i 40 sono il Decennio Perfetto.

L’Infanta andrà per i 18. Dio, come sarà bella. Comunque sarà, sarà bella da spaccare il cuore.

Revoluciòn starà per compiere, proprio lì a pochi giorni, 14 anni. Il pensiero di avere a che fare con una Revoluciòn adolescente è abbastanza spaventoso, ma forse per allora avrà smesso di dire IO NON VOGLIO col tono perentorio che ora sgomenta gli estranei. O forse no. Saremo in piena Tempesta Perfetta, ma sia, i mari calmi e tiepidi non sono mai stati roba nostra.

MaritoNP sarà tale da 19 anni. Forse per allora non lascerà più tracce di patatine mangiate di nascosto ovunque. Forse continuerà a lasciarle perché tu sappia che è sempre quello lì che hai sposato, e non l’hai perso per la strada.

Tu?

Tu forse sarai riuscita a tornare in Irlanda, e vedere finalmente l’Ovest.

Dicono che sia stupendo.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Un penny per i tuoi pensieri!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...