Archivi tag: genitori crescono

Scrivere, è passato tanto tempo (eeeeeeeeeeeee)

Con il ritardo balordo che da sempre la contraddistingue, Seavessi è lieta, onorata, imbarazzata di annunciare pure qui quello che gli amici di fb son già stufi di sapere, cioè che uno dei Racconti d’Estate di Genitori Crescono è frutto del suo sudato diteggìo sull tastiera (ma quanto era più poetico quando si poteva dire frutto della sua penna inquieta, o della sua biro quattrocolori?)

E com’è come non è, Seavessi imbarazzata divaga più del solito e non è dir poco, insomma per chi vuole se vuole il racconto è qui.

Ma la cosa di cui Seavessi vorrebbe parlare, qui e stasera o stamattina quando WP uscirà il post, e di come si sta dopo aver scritto.

Di come si sta bene, completi, in pace, quando inizi e le cose prendono e si scrivono da sole, quando capita quella cosa strana per cui inizi un periodo e non hai idea di come finirà, quando la lei che stai scrivendo dovrebbe dire ti amo e le esce ma vaffanculo, oppure il contrario, ma magari intende comunque ti amo (Stefano Benni insegna), chi lo sa, tu no di certo, puoi solo stare lì coi ditini che diteggiano e aspettare di vedere che succede.

Di come Seavessi non lo faceva da tanto, perché ahimè il tempo per scrivere è ancora più rubato di quello per leggere, perché leggere vale sempre la pena, ma scrivere, devi avere la sensazione che valga la pena anche per quello, e Seavessi non ce l’ha quasi mai, e il blog è un discorso a parte, non ha pretese se non quella di fare da pensatoio.

Di come Seavessi si sia sentita strana e impaurita a dare in pasto il raccontino (ché non è nulla di più eh) a occhi sconosciuti, che ohmygosh, possono essere affettuosi ma anche no, ed è vero che i lettori son quasi tutti amici ma sai, chissà, magari li puoi beccare mentre mentono e pensano che facevi meglio quella sera a guardare le registrazioni di Scandal.

Di come sia stato un po’ pauroso ma bello, e di come Seavessi ne ha in mente qualcuno, racconto, e magari vorrebbe provare a vedere di nascosto che effetto che fa a pubblicarlo sul blog, mica tutte le settimane, ogni tanto, tantissimo, e chissà se a chi legge piacerebbe.

Chissà.

12 commenti

Archiviato in blog'n me, estate, genitoricrescono, scrivere